Vuoi saperne di più? +39 0331 231 420

Aspetti legali Tratto da una storia vera: perché conviene sempre l’acquisto di software di seconda mano presso un partner affidabile

16. gennaio 2020 – Guus Derckx
Justitia

BSA-The Software Alliance è un gruppo di produttori di software che opera a livello internazionale. Il loro elenco di membri non ha bisogno di presentazioni: praticamente tutti i migliori esperti del settore software dalla A di Adobe alla M di Microsoft fino alla V di Veritas sono rappresentati lì. Una delle principali missioni dell'associazione è identificare le aziende che utilizzano software con licenza errata e intraprendere azioni legali contro di esse.

Di recente, Pluimers Isolatie, società olandese leader del mercato dell'isolamento degli edifici, ha provato sulla sua pelle quanto la BSA persegua efficacemente questo obiettivo perfettamente legittimo, ma la società olandese aveva eccellenti motivazioni per confutare tutti i sospetti sollevati dalla BSA.

Visita degli avvocati

Con un occhio di riguardo al rapporto costi-benefici, Pluimers Isolatie ha deciso di far scadere i propri abbonamenti Microsoft Office, Exchange Server e SQL Server esistenti che si aggiravano intorno a 50.000 euro all'anno e affidarsi a Relicense per delle licenze software usate e legalmente conformi.

Questa decisione ovviamente non è rimasta inosservata, poiché il 21 ottobre 2019 Pluimers Isolatie è stata chiamata dai rappresentanti di uno studio legale incaricato dalla Business Software Alliance. Gli avvocati hanno consegnato agli increduli rappresentanti dell'azienda una lettera contenente una multa di un importo pari a 109.000 euro a seguito di un presunto utilizzo di software senza licenza. Ciò, tuttavia, non ha destato grande preoccupazione in Fatih Sonmez, IT manager dell'azienda, essendo infatti in grado di produrre un report completo dei trasferimenti delle licenze, comprese le fatture che Relicense aveva consegnato come parte del trasferimento di proprietà del software, respingendo completamente al mittente le accuse sollevate e lasciando gli avvocati inviati dalla BSA a ritirarsi a mani vuote.


Fatih Sonmez, da parte sua, è così sicuro della sua scelta e utilizzo delle licenze usate e dalla collaborazione con Relicense che, dopo questo episodio, accetta volentieri di rilasciare un’eventuale referenza per altre società.

copyright immagine dell'articolo: © pixabay

Condividi articolo