Vuoi saperne di più? +39 0331 231 420

Buone pratiche Tempo scaduto per Windows 7: alle aziende ora sono rimaste queste 5 opzioni

30. gennaio 2020 – Michael Vilain
Tempo scaduto per Windows 7: alle aziende ora sono rimaste queste 5 opzioni

Il 14 gennaio è giunto il momento: Microsoft ha ufficialmente interrotto il supporto per Windows 7. Da oggi gli aggiornamenti automatici di sicurezza essenziali per la protezione di dati aziendali importanti non vengono più sviluppati. Nella maggior parte dei casi le aziende si sono preparate per questa data e hanno preso le dovute precauzioni, ma per vari motivi centinaia di migliaia di aziende, grandi e piccole, fanno ancora affidamento su questo sistema operativo giurassico per vari motivi, anche dopo che il suo periodo di supporto è terminato. Alcuni lo fanno a causa di una sorta di rigetto, altri fraintendono il vecchio detto "non cambiare mai un sistema in esecuzione" e altri ancora perché il loro software esistente in parte non è compatibile con il più moderno sistema operativo Windows 10.

Per tutti questi casi, Microsoft offre di estendere il proprio supporto fino al 2023 a pagamento, ma anche questo non può giustificare un rinvio a breve termine (e miope) dell'inevitabile cambiamento.

Quindi c'è bisogno di agire subito e, come nella maggior parte dei casi della vita, esistono molteplici opzioni per tale azione, che ora presenteremo in breve.

1. Continuare come prima
Dopo il fatidico giorno, i PC che eseguono Windows 7 continueranno a funzionare proprio come prima, almeno a prima vista. Alcuni potrebbero persino trovare abbastanza piacevole la fine di quegli aggiornamenti regolari e fastidiosi. Col passare del tempo, tuttavia, si apriranno successivamente ingressi più clandestini per potenziali aggressori che possono minacciare l'esistenza stessa di un'impresa in casi estremi. Quindi questa non è una buona idea.

2. Estensione del supporto a pagamento
Le tariffe variano in base al periodo di supporto e non sono così elevate come lo erano allora per l'estensione del supporto per Windows XP, ma dipende sempre dal numero di PC coinvolti e possono costituire un costo considerevole nel budget IT. Come accennato in precedenza questa opzione non risolve il problema, ma lo sposta solo avanti nel tempo, a un prossimo futuro.

3. Provare a usare Linux?
Linux, nelle sue varie distribuzioni, è senza dubbio un sistema operativo eccezionale che può competere con Windows o MacOS in molti modi. Allo stesso modo il numero di programmi professionali disponibili per Linux nella maggior parte delle categorie di applicazioni è decisamente soddisfacente. Tuttavia migrare un'intera impresa o anche parti di essa su un nuovo sistema operativo comporta ostacoli e costi non solo hardware e software ma anche dal lato degli utenti, rendendo questa opzione attraente solo in casi rari ed eccezionali.

4. Esegui finalmente l'aggiornamento a Windows 10
Anche di fronte a possibili incompatibilità con altri prodotti software installati e che devono prima essere riconciliati, questa è l'opzione più consigliata tra quelle menzionate finora. Si può presumere che le versioni di Microsoft Office utilizzate sui sistemi Windows 7 siano in là con gli anni, quindi questa è una buona occasione per aggiornare l'intero Desktop Microsoft alle versioni attuali. Una soluzione interessante a prima vista, se non fosse per un aspetto che potrebbe portare a dei mal di testa: il costo. Questo sfortunatamente si sommerà a un numero di quattro cifre per la Microsoft Professional Desktop Suite. Ma per fortuna, c'è ancora un'altra opzione...

5. Esegui l'upgrade utilizzando un software usato legalmente conforme
Questa è sicuramente la panacea da scegliere: per una frazione del costo da sostenere per l'acquisto di licenze originali, le aziende possono aggiornare le loro versioni obsolete di Windows e Office a una versione che garantisca gli aggiornamenti di sicurezza e supporto completo del produttore per i prossimi anni — e con nessuna limitazione funzionale o legale. Clicca qui per scoprire quanto è più conveniente questo soluzione e cosa dovrebbero fare ora le organizzazioni che considerano interessante questa alternativa.

copyright immagine dell'articolo: © pixabay

Condividi articolo